Home » Casse surround: come scegliere il miglior impianto per home theatre

Casse surround: come scegliere il miglior impianto per home theatre

di Il Team di TGM Online
gamer che utilizza delle casse surround

Per un’effetto avvolgente in materia di audio in casa, in un luogo pubblico, in un circolo ricreativo, ovunque voi vogliate offrire a voi stessi o alla vostra clientela un effetto audio reale che generi in voi la sensazione di essere all’interno della scena di un film o di un campo di calcio, in una foresta tropicale o nel mezzo del mare, benvenuti in questa guida.

Cosa sono i diffusori surround?

La tecnologia rivolta ad ottenere il massimo in termini di effetto live nel cinema, il laboratorio attorno al quale si sono sviluppate le evoluzioni della diffusione del suono, nasce già negli anni ’40 del secolo scorso.

Walt Disney, nello specifico, fu un pioniere non solo nel cinema d’animazione, ma nell’evoluzione del colore e del suono; un film in particolare si prefisse di generare nello spettatore una sensazione di suono che lo avvolgesse nelle poltrone dei teatri: “Fantasia”, chiamato anche, per la grande innovazione del suono diffuso nei cinema, “Fantasound”.

La produzione Disney contattò il tecnico del suono David Sarnoff che mise a punto il primo effetto surround della storia; in quel 1940 il modo di diffondere il suono cambiò e si aprì la strada verso una progressiva evoluzione tecnologica che oggi è realtà in tutte le case grazie ai diffusori, comunemente chiamati casse, in grado di offrire la massima qualità in termini di esperienza audio anche domestica.

Quali sono le casse da scegliere per l’effetto surround?

Abbiamo capito che l’effetto surround dipende dalla qualità e dalla disposizione nell’ambiente delle casse, i diffusori di suono.

Non basta infatti disporre di un ottimo impianto home theatre, diffusori di alta qualità, se non si rispettano le regole di disposizione degli stessi diffusori per ottenere la massima qualità dell’effetto audio. In ogni caso a monte di questa ulteriore considerazione andranno considerate le tecnologie oggi presenti sul mercato dell’home theatre, quindi è lecito chiedersi quali siano le migliori casse da scegliere all’interno di una proposta articolata e ricca di modelli proposti sia nei grandi centri high-tech, così come sui portali dell’eCommerce.

Il primo discrimine dovrà quindi focalizzare quali casse acquistare, considerando che il mercato propone modelli per impianti dedicati all’ascolto della musica e modelli specificamente studiati per l’effetto avvolgente domestico nella visione di film o documentari.

Ovviamente la qualità ha un prezzo e all’interno di una gamma di prodotti simili, le migliori produzioni dal punto di vista tecnologico e qualitativo vi chiederanno una spesa superiore.

Ad esempio le casse da pavimento, ottime anche dal punto di vista di un arredo da salotto, simulando un vero cinema domestico, oggi sono considerate ottime per la resa musicale mentre per l’esperienza rivolta al cinema domestico, sono altri i diffusori che hanno conseguito un’evoluzione specifica in tal senso.

In questa categoria incontriamo le casse da scaffale, diffusori offerti solitamente in kit da disporre con metodo sui mobili d’arredo, quindi meno invasive dal punto di vista dell’ingombro, non per questo meno potenti delle grandi casse a colonna.

L’evoluzione più moderna di questa categoria sono le casse per impianti multicanale, studiate appositamente per l’effetto home theatre, diffusori dalla forma particolare per consentire una installazione dei woofer e subwoofer, dei midrange e tweeter bipolare e generare il famoso effetto surround.

Tali diffusori del suono possono essere a cavo o Bluetooth, un’ulteriore passo tecnologico verso l’eliminazione di cavetteria ingombrante.

Ma le ultime vere innovazioni riguardano le soundbar TV, i Bomaker o i soundbar creative stage, modelli di diffusori perfetti per la massima resa moderna dell’effetto surround, discreti nella loro presenza per le dimensioni ridotte che non inficiano assolutamente la potenza, anzi, il suono generato da questi diffusori e oggi il top della resa in termini di fedeltà audio. Ne analizzeremo alla fine dell’articolo alcuni modelli specifici.

Come scegliere un buon impianto home theatre?

A questo punto è lecito chiedersi quali siano i migliori impianti home theatre, quali diffusori siano consigliati per ottenere un effetto reale e cinematografico anche tra le pareti domestiche o in un circolo ricreativo.

La possibilità è concreta e ognuno di voi potrà sentirsi protagonista all’interno di una scena di fantascienza, di un documentario nelle profondità marine o tra le savane africane, in un campo di calcio o di basket vivendo l’esperienza visiva quasi con una propensione ad essere protagonisti della situazione.

Vi anticipiamo che il funzionamento è semplice: la tecnologia moderna, consapevole della complessità degli accessori high-tech, ha lavorato per rendere intuitivo e accessibile a tutti il processo d’installazione, tra l’altro sempre ben spiegato nelle informazioni contenute nei kit acquistati.

Si tratterà di collegare l’impianto alla vostra Smart Tv o al lettore blu ray: le diverse casse saranno gestite in wireless, quindi senza cavetteria, dalla consolle che stabilirà quali suoni dovranno uscire dallo specifico diffusore al fine di generare il fantomatico effetto surround.
La cassa entrerà in funzione, quindi emetterà il suo suono specifico, solamente quando l’input della consolle stabilirà la tipologia di suono che deve essere diffusa quindi la cassa idonea.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono i migliori impianti home theatre per comprendere meglio quali esigenze avete nel vostro ambiente e con quali criteri dovrete stabilire l’acquisto.

Ovviamente la cubatura della stanza è fondamentale: un salotto di ridotte dimensioni necessiterà di un impianto specifico; altre saranno le esigenze di un grande spazio, criteri che applicherete anche prima di acquistare una Smart Tv, considerando i pollici necessari del display che dovranno essere proporzionati al volume e alle dimensioni della stanza.

Negli ultimi tempi la scelta è ricaduta su due direttrici principali: le casse 2.1 o 5.1, considerando che con la prima proposta, le 2.1, otterrete un dolby surround piacevole e definito, con le 5.1 la sensazione del Dolby Digital vi offrirà un surround reale, veramente avvolgente, ma non così nitido negli effetti come le 2.1.

Tra le due scuole di pensiero ci sono pagine e pagine di riflessioni sul web, dovrete effettuare la vostra scelta a riguardo.

Altri criteri di valutazione dell’impianto saranno il vantaggio, che non può rimanere sotto la soglia dei 600 Watt per non rischiare distorsioni, la decisione se scegliere un impianto wireless o con cavetteria, come disporre le casse, lasciandovi consigliare dal centro acquisto o seguendo le direttive del foglietto informativo compreso nel kit o cercando consigli sui forum dei cinefili in Rete.

Alcuni modelli tra i migliori del mercato

Alla fine di tutte queste valutazioni e analisi specifiche, è doveroso offrirvi una piccola recensione di alcuni modelli presenti sul mercato, per consentirvi di orientarvi in un acquisto ora consapevole di quali discrezioni dovrete far vostre prima della spesa.

BOMAKER Soundbar TV

Il primo impianto che vi presentiamo è della prestigiosa azienda BOMAKER.

Questa soundbar consente un ottimo effetto surround e offre ben cinque possibilità di connettività: Bluetooth, ottico, AUX, USB, RCA. L’usicta del suono è considerata di tipologia massima 3D, grazie a 120dB ,tecnologie Bassi e DSP BOMAKER, un vero effetto cinema tra le pareti domestiche.

Grazie alla funzione funzione Bluetooth 5.0 la gestione del suono da parte della barra in wireless è garantita alla massima resa sino a 10 metri di distanza, le quattro possibilità di scelta di suono pre-definito, consentono di decidere per un audio votato ai dialoghi, ai bassi più profondi, all’effetto avvolgente. Imparerete presto quali sono le vostre peculiarità.

Snowdon Soundbar II 

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Snowdon Soundbar II Snowdon Soundbar II 3.747 Recensioni In offerta

La soundbar Snowdon parte dal presupposto che anche nei modelli più moderni del mercato, la sola Tv non può offrire il massimo del suono e va integrata, con spese accessibili a tutti, con una barra discreta e potente come questa. Grazie alla Line-In AUX da 3,5 mm potrete connettere la soundbar anche con dispositivi non dotati di Bluetooth. Il telecomando vi renderà emplice e comoda la gestione e la regolazione dei suoni dalla poltrona.

Sony HT-SF150 Soundbar 

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Sony HT-SF150 Soundbar Sony HT-SF150 Soundbar 1.570 Recensioni In offerta

Con una potenza totale di 120 Watt, la tecnologia Sony mette a disposizione la propria esperienza con una soundbar innovativa e semplice da gestire. La connettività TV avviene tramite Bluetooth o cavo HDMI non in dotazione, il doppio canale con speaker Bass Reflex esalta al massimo l’effetto surround per una soundbar bella nel design sottile e discreto, installabile con facilità e adatta per ogni tipologia di Smart Tv del mercato.

Soundbar Creative Stage V2 2.1 con subwoofer

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Soundbar Creative Stage V2 2.1 con subwoofer Soundbar Creative Stage V2 2.1 con subwoofer 320 Recensioni In offerta

Creative propone la sua personale soundbar dotata di tecnologia Sound Blaster per esaltare l’effetto avvolgente in un contesto di cinema domestico. L’altoparlante è di tipologia 2.1, un potente subwoofer in grado di diffondere il suono anche in ambienti estesi è la conseguenza del Creative Stage V2 che avvolge la stanza con un suono immersivo e bassi profondi e vibranti.

You may also like