Home » Assemblare PC Gaming: cosa serve, quanto costa, da dove partire

Assemblare PC Gaming: cosa serve, quanto costa, da dove partire

di Il Team di TGM Online
gamer prova il suo pc da gaming che ha assemblato con tutte le componenti che gli interessavano

A tutti nella vita è capitato di avere in testa l’idea di assemblare un PC da gaming, pur restando consci delle sfide lungo il cammino.

TGM è qui per aiutare a capire come fare e preparare al meglio nell’impresa i vari avventurieri.

Per cominciare è doveroso dire che il prezzo di questo procedimento può spaziare dalle centinaia alle migliaia di Euro, a seconda di cosa si desidera.

Buttandosi su tutte le componenti al top si avrà un computer che durerà per anni, ma i costi saranno proibitivi.

Vice versa scegliendo una configurazione base puntando tutto sul risparmio, si otterrà probabilmente un mezzo valido ma che diventerà obsoleto nel giro di poco tempo.

Qualsiasi siano le scelte finali però, bisogna fare molta attenzione. Vi sono differenti marchi sul mercato e, chi è alle prime armi, potrebbe finire per comprare pezzi non compatibili tra loro.

Quali componenti servono per assemblare un PC gaming

Per costruire il computer dei sogni saranno necessarie tutte queste componenti elencate qui di seguito.

Attenzione però, qualsiasi sia il budget non va speso tutto su una scheda grafica da urlo, trovandosi poi a cercare le altre parti nei mercatini dell’usato.

Un buon PC da gaming dev’essere equilibrato in tutte le sue componenti fondamentali, altrimenti ci si ritroverà con un mezzo zoppicante e dalle scarse prestazioni.

Nell’ordine per assemblare un PC gaming si ha bisogno di:

  • Case;
  • Scheda madre;
  • Processore;
  • RAM;
  • Scheda video;
  • Sistema di raffreddamento;
  • Memoria di massa;
  • Alimentatore;
  • Monitor;
  • Mouse;
  • Tastiera;

Ovviamente a quest’elenco potrebbero essere aggiunte altre cose, ma non sarebbero di vitale importanza o direttamente correlate al computer.

Case

Il case è la pelle del PC e, pur essendo un elemento estetico molto importante, a livello tecnico non offre davvero dei benefici sostanziali.

In giro si vedono foto di fissi meravigliosi, con le parti a vista e pieni di effetti luminosi che catturano l’occhio.

La domanda è: servono a qualcosa? Se si è fanatici dell’estetica si, ma se non ci sono soldi da buttare meglio andare al risparmio, concentrandoli sulle componenti dal maggior spessore tecnico piuttosto che in dettagli.

Scheda madre

Queste sono le fondamenta su cui va costruito il PC da gaming, quindi meglio assicurarsi che siano belle solide.

Bisogna fare attenzione a quello che si compra! Una scheda progettata per processori AMD non potrà montare quelli Intel, quindi documentarsi bene sulla compatibilità dei componenti è d’obbligo.

Meglio sceglierne una con buona quantità di porte USB, compatibile coi processori di ultima generazione e che supporti la RAM DDR4.

Verificare che abbia almeno 4 porte SATA 3, uno slot per la scheda video PCI-e X16 e alcuni PCI-e X1.

Processore

Il processore è il cervello del PC e, anche se meno importante rispetto alla GPU per l’ambito gaming, ha comunque una elevata influenza sulle prestazioni.

Comprandolo troppo economico, ci si ritroverà con questo componente che fa da collo di bottiglia alla scheda video, con conseguenti scarsi risultati.

Per assemblare un buon PC, specialmente se lo si usa per altri scopi oltre al gaming, non si può davvero prescindere da un processore di fascia media come un Intel i5 o il suo equivalente AMD.

RAM

La RAM è la memoria provvisoria in cui vengono caricati i programmi (e anche i giochi) per velocizzarne l’esecuzione in fase di utilizzo.

Scegliendola senza criterio, la macchina risulterà lenta anche se tutte le altre componenti saranno al top.

La migliore RAM disponibile al momento sul mercato è la DDR4, ma sembra prossimo l’arrivo della nuova generazione.

Meglio installare almeno 8 (la perfezione sarebbe 16) gigabyte di memoria per mettersi al riparo da problemi.

Scheda video

Questo è solitamente il punto che desta maggiore hype in tutti gli assemblatori di PC.

Quando si progetta di montare un computer da gaming è proprio sulla GPU che si spende la maggior quantità di tempo, esaminando il mercato alla ricerca dell’occasione perfetta.

Come già ripetuto molte volte però, servirà davvero a poco mettere una scheda grafica al top se le altre componenti non sono in grado di supportarla.

Se è ai 1080p con i settaggi al top e un frame rate stabile che si punta, allora una qualsiasi scheda di fascia media sarà perfetta allo scopo.

Una Radeon 5600 XT o una Nvidia 2060 potranno garantire queste prestazioni senza problemi, mantenendo l’esborso economico entro limiti piuttosto contenuti.

Sistema di raffreddamento

Una delle parti che, se sottovalutata, può portare a catastrofi è sicuramente il sistema di raffreddamento.

La capacità mantenere le temperature entro range accettabili è un parametro fondamentale per la salute del mezzo.

Se si hanno soldi contati si può optare per un sistema ad aria con torretta, in caso contrario quello a liquido è la soluzione giusta.

Il secondo però sarà anche molto più complesso da montare, una cosa da tenere in considerazione per i principianti dell’assemblaggio.

Memoria di massa

Questa è la memoria dove salvare e installare tutti i giochi e, per migliorare le prestazioni, le SSD sono l’opzione migliore.

In totale sarebbe meglio avere almeno un tera (i videogame pesano molto) e aggiungere un hard disk anche esterno su cui salvare tutte le altre cose, come documenti e foto.

Alimentatore

Un ultimo elemento su cui prestare moltissima attenzione è l’alimentatore, il quale dovrà far funzionare tutte le altre componenti.

Per assemblare un PC da gaming ben fatto, si deve dimensionare adeguatamente l’alimentatore altrimenti si andrà in contro a problemi.

Meglio abbondare rispetto alle necessità dichiarate, optando per una o due taglie superiori a quelle richieste.

Da quanto sceglierlo? Dipende dalle componenti ma, per una build media, cifre dai 600 W in su sono la norma.

Monitor, mouse e tastiera

Questi tre elementi chiudono la lista e, seppur necessari, non sono sempre considerati prioritari.

Il monitor ha sicuramente la precedenza sugli altri due perché sarà il mezzo che permetterà di sfruttare le altre componenti del PC.

Se si punta ai 120 FPS comprando un monitor da 60 Hz risulterà impossibile ottenerli a causa dei limiti dello schermo.

Sul mercato si trovano delle ottime opzioni a prezzi abbastanza modici, quindi bisogna cercare di acquistare qualcosa che sia in linea con le proprie pretese.

Per mouse e tastiera non sarà davvero difficile trovare delle buone componenti a basso prezzo, quindi è giusto lasciarli per ultimi dedicandogli gli spiccioli che avanzano.

Arrivati fin qui si hanno tutte le componenti, non resta altro da fare che iniziare il montaggio.

Se si è alle prime armi meglio chiedere assistenza a qualche amico più ferrato in materia, in modo da essere preparati per qualsiasi evenienza.

You may also like