AMD Radeon RX 5600 XT- Recensione Completa

Da anni si assiste all’eterna lotta tra Nvidia e AMD a colpi di GPU e, oggi, ci si appresta a raccontare l’ennesimo capitolo con l’arrivo della Radeon RX 5600 XT.

Questa nuova scheda grafica si presenta sul mercato pronta a rivaleggiare con la GTX 1660 Ti, ma rivelandosi fin da subito in grado di stupire.

I primi benchmark hanno dato risultati a dir poco incredibili, con valori che vanno oltre l’immaginabile.

Ci sarà modo di ritornare su questo più avanti, per ora meglio parlare un po’ della scheda in generale.

La AMD Radeon RX 5600 XT si piazza nella fascia media delle GPU, quelle in grado di far girare comodamente i titoli in full HD.

Arriva sul mercato con un prezzo che a prima vista non sembra molto aggressivo, partendo da cifre intorno ai 300 Euro proprio come la rivale 1660 Ti.

Comparata poi con le altre schede di casa Radeon fa storcere un po’ il naso la quantità di VRAM a bordo, limitata a 6GB.

Risulta essere più che sufficiente per far girare qualsiasi titolo a 1080p ma, qualora ci si volesse spingere un po’ oltre, l’hardware andrebbe immediatamente in difficoltà.

Paragonandola poi con la sorella minore, la Rtx 5500 in versione da 8GB, sembra ancora più strana la scelta fatta riguardo alla memoria virtuale.

Le funzionalità della AMD Radeon RX 5600 XT

Partiamo subito da uno dei punti focali per tutti coloro che sono o potrebbero essere interessati alla AMD Radeon RX 5600 XT, il ray tracing.

Se la gamma Nvidia offre una possibilità di scelta molto ampia e scalabile legata a questa tecnologia, AMD si trova ancora in fase di sviluppo del medesimo sistema.

La 5600 XT non presenta ray tracing, così come non lo fanno nemmeno le altre schede di questa generazione.

Ora, è doveroso sottolineare che al momento questa tecnologia è ben lontana dall’essere fondamentale all’interno del mondo gaming.

Introdotta poco tempo fa da Nvidia, ci ha messo parecchio prima di assestarsi e iniziare a fornire prestazioni soddisfacenti ai suoi utilizzatori.

L’acquisto o meno della GPU di casa AMD però, va fatto tenendo in debita considerazione questa mancanza.

Se il ray tracing non è un requisito fondamentale, allora le ottime prestazioni della 5600 XT e il prezzo accattivante possono essere l’ago della bilancia in suo favore.

Una cosa che invece si è dimostrata davvero piacevole e interessante, è la presenza del Radeon Boost.

Questa funzione strizza l’occhio agli shooter online e a tutti quei giochi competitivi che necessitano di un frame rate granitico.

Attivando questa modalità, la scheda video si focalizzerà il più possibile per cercare di mantenere la fluidità delle immagini a schermo, tutto questo però senza sacrificare il livello di dettaglio grafico impostato.

Per essere più precisi, quando si muove l’inquadratura in modo rapido, la scheda riduce in parte i dettagli di alcuni elementi sullo sfondo, concentrando tutta la potenza sui fotogrammi al secondo.

Mouse alla mano si rivela un vero toccasana per la fruibilità degli FPS più caotici, dove anche il minimo lag si tramuta in morte certa.

Se la grafica da ray tracing non è un pallino fisso e si prediligono le prestazioni a prezzi più contenuti, Radeon potrebbe essere la soluzione giusta a tutti i problemi.

La prova tecnica

Una volta dentro il PC, la AMD Radeon RX 5600 XT dimostra subito l’ottima pasta di cui è fatta.

Come accennato sopra, pur essendo in teoria la diretta rivale della Nvidia 1660Ti, le prestazioni effettive la proiettano su tutt’altro livello, arrivando al pari della 2060.

Non solo, in alcuni test risulta superare la concorrenza lasciando letteralmente a bocca aperta per lo stupore.

Va poi detto che in altre prove la RTX si dimostra effettivamente in vantaggio, ma per margini che vanno dal piccolo al minuscolo.

Confronto alla sua sorella minore 5500 poi, da prova che la quantità di memoria VRAM non è tutto, risultando più potente grazie al maggior numero di stream processor.

Una volta avviati i giochi, le impressioni e i benchmark avuti fin’ora si dimostrano corretti, posizionando questa scheda sul medesimo livello della 2060.

Sui vari giochi provati, a parità di configurazione hardware, non è mai stato registrato uno scarto superiore ai 3 o 4 FPS, talvolta in favore dell’ AMD Radeon RX 5600 XT mentre altre per Nvidia.

La 1660 Ti invece non risulta mai competere per il primato, posizionandosi sempre dietro (a volte anche di parecchio) rispetto alla concorrenza.

In termini di rumorosità si può dire che la gara si è conclusa in un sostanziale pareggio tra le varie avversarie, mentre sul lato consumi AMD esce sconfitta nei confronti della 2060 per una ventina di watt.

Anche sul lato temperature risulta la peggiore del lotto, ma senza mai raggiungere livelli di guardia.

Ovviamente la cosa non stupisce data l’eterna difficoltà di questo marchio nel creare sistemi di raffreddamento davvero efficienti, ma non dev’essere un motivo di preoccupazione poiché, a conti fatti, non sono causa di problemi.

In conclusione, se si è alla ricerca di una nuova scheda video ma risulta difficile scegliere quale, va sicuramente tenuta in debita considerazione questa 5600 XT.

Non ha il ray tracing, che per alcuni potrebbe essere un problema insormontabile, ma se si punta alla potenza pura sarà davvero difficile restare delusi.

A un prezzo inferiore rispetto alla 2060 si acquisterà un hardware di pari livello in quanto a prestazioni ma che, in alcuni casi, sarà addirittura in grado di fornire risultati migliori.

Ovviamente non esiste una scelta assoluta, ma alla redazione di TGM questa Radeon ha davvero convinto per la sua qualità.